HOME

storie

disegni

portfolio

line

notizie

26 aprile 2010

Questo blog è stato trasferito a un altro indirizzo


Questo blog è stato spostato alla pagina http://maurizioribichini.blogspot.com/.
Verrai reindirizzato automaticamente tra 30 secondi. Oppure fai clic qui qui.

Per gli iscritti al feed: aggiornare l'iscrizione al feed a
http://maurizioribichini.blogspot.com/feeds/posts/default.

16 ottobre 2009

In Marcia

Ecco il tempo sembra tenere, la voglia di vedere che non si è soli è tanta e io vado.
Questo è il mio contributo oltre alla copertina di Carta di questa settimana.
Ci si vede tutti sabato allor...



SABATO 17 OTTOBRE 2009
MANIFESTAZIONE NAZIONALE ANTIRAZZISTA ROMA
PIAZZA DELLA REPUBBLICA ORE 14.30

No al razzismo
Per la regolarizzazione generalizzata per tutti
Ritiro del pacchetto sicurezza
Accoglienza per tutti
No ai respingimenti e agli accordi bilaterali che li prevedono
Per la rottura netta del legame tra il permesso di soggiorno e il contratto di lavoro
Diritto di asilo per i rifugiati e profughi
Per la chiusura definitiva dei Centri di Identificazione ed Espulsioni (CEI)
No alle divisioni tra italiani e stranieri
Diritto al lavoro, alla salute, alla casa e all’istruzione per tutti
Mantenimento del permesso di soggiorno per chi ha perso il lavoro
Contro ogni forma di discriminazione nei confronti di LGBT
Solidarietà a tutti i lavoratori in lotta per la difesa del lavoro

15 luglio 2009

Seun Anikulapo Kuti a Roma


Ebbene si, il concerto c'è stato e ci siamo andati con tutta la famiglia allargata di TP Africa. Il concerto è stato all'altezza delle aspettative. Una macchina musicale di 15 elementi per la quale era impossibile rimanere fermi. Entusiasmo e voglia di comunicare giocando credo che bastino per rendere grande la serata. Altro è difficile da sintetizzare. Dispiace solo per chi non c'era. L'entusiasmo e la voglia di sorridere si è trasportata anche dietro le quinte dopo il concerto e le pacche sulle spalle si sono sprecate. Di seguito un po' di immaginette della serata tanto per rendere l'idea.







In ultimo le due tavole che trovate sul Mucchio di questo mese, il mio bigliettone da visita per Seun.


Etichette:

25 giugno 2009

Seun Kuti, Il Mucchio Selvaggio e altre cose che fuggono...

Capita, e succede spesso, che per un motivo qualsiasi molte cose, many things, rimangano fuori dal nostro orizzonte visivo. Come se non esistessero nemmeno. Eppure ci sono.
E' tanto che non passo da queste parti. Senza un motivo particolare se non la mia incapacità a gestire il tempo, i rapporti e altre cose che fuggono... Eppure ci sono.



Capita, e anche questo succede spesso, che a volte per un lavoro dei disegnetti rimangano fuori, non vengono usati. Eppure ci sono. Anzi ti chiamano e reclamano la loro parte.



E' il caso di due tavole fatte per il Mucchio Selvaggio per il numero in uscita ora di luglio/agosto. Un omaggio a Seun Kuti e alla sua musica.
Dal momento che, se volete vedere le due tavole su Seun, dovete prendervi il Mucchio Selvaggio e male non vi fa, pubblico qui i disegnetti che erano fuggiti.





Molte cose mi confondono e mi chiamano tirandomi per il braccio. E' sempre stato così, tanto che mi reputo e mi spaccio come inaffidabile. E' meglio così. Al limite mi riservo la possibilità di sorprendere. In ogni caso, bene o male che sia. Non ho eredi e non mi piacciono le aspettative. Quindi continuo. Al prossimo post. State bene.

Etichette:

13 marzo 2009

Appunti distratti da Bamako #3


Tu stai camminando in strada e magari ad un certo punto senti un tzk! tzk!, quel rumore che fa la lingua quando spinge sui denti con la bocca socchiusa, ti stanno chiamando. E’ come un ehi sottovoce. Devi stare attento perché altrimenti lo confondi con i rumori della strada. In genere sono i bambini che non hanno altro modo per chiamarti se non toubabù. Ma questa volta non vogliono giocare agli scherzetti e alle smorfie di rito toubabù toubabù. Ti stanno proprio chiamando e vogliono da te qualcosa. Magari una foto, perché ti hanno visto che hai con te la fotocamera, e allora ti stanno chiedendo una foto. Semplicemente una foto. Tolgono il sorriso e si mettono in posa seria e tu scatti.



Si aspetta insieme il risultato sullo schermino della digitale e poi si ride indicandosi a vicenda. Basta questo.

In strada nessuno gira con le mani in tasca, nessuno. Si cammina con le braccia lunghe ondulandole con il corpo, in sincrono magari con l’umore della giornata. Più ondeggiano, più si è cazzari oggi.

Nessuno fischietta, e questo è strano. La quantità di musica che produce questa città è impressionante. Qui in molti cantano o suonano uno strumento. C’è chi costruisce strumenti e insegna a suonarli da generazioni.


Fabbrichette di cassette si nascondono dietro il bancone del negozio di musica. Ragazzi in giro per strada ti vendono cd di Alì Farka Touré, Oumou Sangaré, Babani Koné …tutta la musica del Mali compreso zio Bob,....Marley Bob. Perfino una o due copie di Elvis o dei Beatles puoi trovare. Eppure nessuno fischietta. Un motivetto, che so? ...niente.





Sono altri rumori quelli che cogli in strada. Il rumore di forbici che sforbiciano, tclacht tclacht, sta passando il sarto. Che poi magari ti entra nel cortile e si mette seduto per ore a tagliare e cucire per conto della signora a fianco.


Il clacson che ti suona, pehh pehh, è il tassista che ti chiede se ti serve un passaggio. A volte è una voce, Ça va? Ti stanno salutando, sorridi, Ça va bien!
Oppure è un tzk! tzk!

Etichette:

07 marzo 2009


In occasione della mostra di Pezzi che si inaugurerà il 12 marzo e che avrete modo di vedere fino al 29 marzo al Fusolab, abbiamo rimesso in piedi il blog di Pezzi. La mostra è una collettiva di illustratori, amici di matita, coinvolti per l'occasione su un progetto. Cito direttamente:

"Pezzi non ha un prima e un dopo
è lo spunto per una storia che sfugge.
Pezzi è il ricordo scritto a bordo agenda
è l'emozione che non si può descrivere.
Pezzi è un momento congelato
è il tempo veloce dell’accadere
descritto come un racconto sospeso
per restituirgli la dignità d’esser stato vissuto.
Pezzi è un contenitore di storie.
O frammenti di queste."

La mostra esposta già varie volte in varie città non ha mai toccato Roma.
Mi sembra l'occasione giusta, a chi può e a chi vuole, per darvi il benvenuto
il 12 marzo al Fusolab dalle 21,00 pm.

Etichette:

24 febbraio 2009

Appunti distratti da Bamako #2

Yaya dice: “ Ai francesi piace parlare tanto e lavorare poco. E’ così che prendono i soldi su un lavoro che non fanno. Perché fanno dei lavori che non sono lavori. E così il lavoro che facciamo noi produce soldi che vanno a loro.”



Yaya ha lavorato in Francia per diversi anni come fisioterapista nella squadra del Bordeaux. Ora nella squadra del Bordeaux mi dicono che ci sono diversi neri. I neri in Africa si affidano volentieri alle cure di un guaritore anziché di un medico. Da questa parte dell’Africa i guaritori (anche se il termine va un po’ stretto) si chiamano marabou. Yaya è un marabou.
Yaya avrà 40 e passa anni forse anche 50, ho sempre una grande difficoltà a dare un’età approssimativa alla gente di colore. E’ un uomo dalla mascella disegnata, alto con grandi spalle e una faccia che sta tutta la, una faccia che non direbbe mai una bugia e forse per questo non mi son fatto leggere il futuro con le conchiglie. I suoi occhi incavati potrebbero incutere un po’ di timore ma Yaya non ne approfitta e ti sorride. E’ stato uno dei pochi interessati a chiedermi: “Ma come va li in Europa?”
E mentre gli rispondevo mi sorrideva tenero come uno che già sa la risposta, come a dire si lo so che state nella merda.

Il mio nome è Moryba Cissé, il mio nome africano è Moryba Cissé. E rispondo ‘mba se mi chiamano e aggiungo Mandé Mory, così faccio capire che so chi sono. Non sono uno sprovveduto.
Moryba Cissè era un marabou ed è stato anche uno dei primi a islamizzare l’Africa.
La cosa non mi piaceva all’inizio, non sono mussulmano ma nemmeno cattolico.
Poi vedendomi disegnare le persone e le cose mi hanno detto che quella era la mia magia e dovevo per forza essere un marabou se dalla carta bianca facevo venire fuori tutte quelle persone e quelle cose.
Se si escludono le insegne dei negozietti tutte disegnate a mano e qualche rara pubblicità sui cartelloni da strada, di immagini disegnate in giro ne vedi ben poche. Non so quanto centri l’Islam ne mi importa. Io sono Moryba Cissé e faccio comparire sulla carta bianca le persone e le cose, e questo mi basta. Wallai!

Yaya mi manda sempre sguardi complici, siamo marabou, e mi batte puntualmente una sigaretta. Se non me la chiede gliela offro io. Però non mi ha mai chiesto un disegno.
Suo figlio giorni dopo mi ha chiesto un disegno e io gliel’ho fatto. Prima si pisciava sotto di risate con il suo amichetto a prendersi in giro, poi come è scattata la posa, si è messo serio serio quasi funebre ed io l’ho disegnato così.

Etichette: